Home > Eboli & dintorni > Eboli-Battipaglia, SS19: manca l’illuminazione e gli automobilisti si aiutano per segnalarsi i pericoli

Eboli-Battipaglia, SS19: manca l’illuminazione e gli automobilisti si aiutano per segnalarsi i pericoli

L’assenza di illuminazione e la continua presenza di persone lungo la carreggiata hanno messo in allarme gli automobilisti che quotidianamente percorrono la Strada Statale 19 delle Calabrie che unisce i comuni di Eboli e Battipaglia. La mancanza di luce artificiale durante il crepuscolo è una costante che purtroppo da anni la strada si porta dietro ma, negli ultimi mesi, si è intensificata l’attività di ragazzi che si spostano in bicicletta o peggio ancora a piedi per compiere il tragitto tra le due città. Di sera è praticamente impossibile vedere queste persone se non quando si è a pochi metri da loro e quindi, per evitare una tragedia (e molte ne sono state sfiorate nel corso dei mesi) gli automobilisti hanno creato un codice per indicare che sulla strada si incontreranno persone a bordo strada. Lo schema è il classico lampeggiare con gli abbaglianti dell’auto verso il guidatore che arriva in direzione opposta, spesso  usato tra gli automobilisti per segnalare la presenza di qualcosa o qualcuno più avanti nel tragitto.

Inizialmente non capivo cosa mi segnalassero gli altri  – racconta un ebolitano che frequenta quotidianamente la strada – poi parlando con amici e colleghi ho scoperto che in questo tratto specifico gli altri ti segnalano la presenza di persone che non rischi di nonv vedere”.

La mancanza di illuminazione ha portato i cittadini delle due città a trovare una soluzione alternativa, perché spesso è capitato di incontrare anche più di una sola persona: “Spesso si incontrano anche gruppi di 3-4 persone, sempre a piedi o in bicicletta. – racconta una ragazza di Battipaglia – Portano sempre un sacco di peso e hanno le cuffie nelle orecchie, un pericolo per noi e per loro. Una volta mi è capitato addirittura di incontrare una donna a piedi con un passeggino

Filippo Folliero

Filippo Folliero

Giornalista pubblicista, collaboratore presso il quotidiano 'La Città di Salerno'. Blogger/Articolista freelance appassionato di giornalismo in tutte le sue varianti, amante della verità. Autore della rivista Web's Truth, in collaborazione con il reporter Alessandro Carluccio. Mi dicono che sono un cacacazzo testardo e sognatore; hanno ragione.. Amante dei viaggi e delle culture antiche. Cucinare è la mia religione, i manga e lo sport i miei hobby preferiti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*