Home > Calcio > Gioire contro il proprio Paese: la solita tristezza dei tifosi medi italiani

Gioire contro il proprio Paese: la solita tristezza dei tifosi medi italiani

Non voglio dilungarmi troppo su quest’argomento, ma premettendo di base che il calcio ormai è spettacolo e non è più uno sport, che il calcio è deciso da chi muove più denar, mi viene da ridere e da pensare ancora di più su chi si schiera sempre contro le squadre italiane in Europa.

Negli altri Paesi, anni luce avanti a noi, esistono rivalità fortissime, derby sentitissimi, eppure in Europa vi è un unico grande cuore. In Europa non giocano solo Napoli, Juve, Roma, Inter, Fiorentina, ma gioca anche e soprattutto l’Italia.

Se perde la faccia il Napoli, di rimando la perdono anche le altre; se la Juve perde, di rimando perdono tutte di blasone; se la Roma perde 7-1 a Manchester, l’idea di calcio italiano si va frantumando agli occhi del mondo.

Il tifoso medio italiano è bravo nel dire: “Eh ma la Premier, la Liga e la Bundesliga sono di un altro livello. Gente seria, progettazione, rispetto, stadi”

Bravi tutti a parole, poi il Napoli esce ai preliminari di Champions e neanche il tempo di entrare sui social che già si ride e si bombarda di offese la squadra. Lo accetterei dai tifosi partenopei, che hanno il diritto di criticare la loro squadra, ma non dagli altri, a cui consiglierei di farsi una vita piuttosto che godere di cose che ormai, pur volendo, non ne vale più neanche la pena come qualche annetto fa.

Ormai è un circolo vizioso che in Italia non finirà mai. Il cambiamento del nostro calcio deve partire dalla mente, anche dei tifosi, che continuando su questa strada con i loro paraocchi finiranno per danneggiare la loro stessa squadra.

In campionato lo sfottò e la presa di posizione sono d’obbligo e deve essere così, ma almeno in Europa, a voi cosa cambia? Sfido chiunque a dire che non sognerebbe una finale di Champions o di Europa League tutta italiana.

Gente che tifa altre Nazionali durante i Mondiali, però è sempre lì a guardare l’Italia. Gente che tifa contro la Nazionale perchè ha giocatori di un club rivale a quello che tifano… ora ragionateci un attimo. Ma siamo sicuri che il calcio in Italia sia pronto per cambiare?

Invidia, sospetto, malignità, voglia di prevalere. Questi sono i sentimenti che muovono i tifosi italiani. Altrimenti non si spiegherebbe, se guardando la partita a un bar ti chiedono “Ma tu tifi Napoli si?” e alla risposta “No, però tifo per le squadre italiane in Europa”, ti guardano come se stessi leggendo una pagina del Corano in lingua originale.

Filippo Folliero

Giornalista pubblicista, collaboratore presso il quotidiano 'La Città di Salerno'. Blogger/Articolista freelance appassionato di giornalismo in tutte le sue varianti, amante della verità. Autore della rivista Web's Truth, in collaborazione con il reporter Alessandro Carluccio. Mi dicono che sono un cacacazzo testardo e sognatore; hanno ragione.. Amante dei viaggi e delle culture antiche. Cucinare è la mia religione, i manga e lo sport i miei hobby preferiti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*