Home > Calcio > La Seria A non va mai bene: a volte troppo difensiva, a volte troppi gol

La Seria A non va mai bene: a volte troppo difensiva, a volte troppi gol

Che il tifoso medio italiano sia una barzelletta vivente è ormai noto. Che il tifoso di calcio italiano sia il più lamentoso ed esigente del mondo, forse ancora non lo abbiamo capito.

In quest’ultimo periodo mi sono soffermato su una cosa: la Liga e la Premier League. I grandi campionati che noi italiani invidiamo come matti, per i soldi (o presunti tali) a disposizione dei club e la conseguente quantità di grandi giocatori che vi militano.

Quest’anno abbiamo assistito a partite stupende: Deportivo La Coruna – Real Madrid 2-8, Everton – Chelsea 3-6, Leicester City – Manchester United 3-5, Levante – Barcellona 0-5, Manchester City – Liverpool 3-1 ed altre scorpacciate di gol.

In queste sfide a segno C.Ronaldo, Bale, Benzema, J. Rodriguez, Eto’o, Diego Costa, Fabregas, Hazard, Cambiasso, Van Persie, Di Maria, Messi, Neymar, Aguero.

Insomma il meglio del calcio mondiale. Noi guardiamo con gli occhi luccicanti a questi campionati, esclamando spesso “Eh, in Serie A partite così non ne vedremo mai, squadroni così dove sono. E poi da noi tutta tattica, mai un pò di spettacolo”

Niente di più giusto, l’Italia è la patria del catenaccio e della tattica, spesso si assiste a partite con poche reti e senza grandi giocate, complice anche l’assenza di pochi fenomeni del pallone.

Quest’anno, invece, la Serie A ci sta regalando qualche sfida scoppiettante: Parma – Milan 4-5, Inter – Sassuolo 7-0, Napoli – Palermo 3-3, Milan – Lazio 3-1, Chievo – Parma 2-3 e qualche altra sfida con 4 gol di media.

Solo con le partite sopra citate, si ha una media di 6 gol a partita e siamo alla 4° giornata. I commenti dei tifosi dopo aver visto sfide del genere, dovrebbero essere del tipo: “Questa si che è una Serie A, partite ricche di gol e imprevedibili come negli altri campionati”, anche se a segnare sono Menez, Honda, Cassano, Osvaldo, Icardi, Callejon, Belotti e Torres

E invece no, perchè al tifoso italiano non va bene neanche la Serie A così: “Troppi gol, difese inguardabili, non puoi giocare in Serie A e prendere 7 gol, non si possono prendere 4 gol dal Parma o 3 dal Palermo in casa. Questo fa capire che campionato mediocre siamo”

La differenza sostanziale secondo me è una: in Inghilterra e Spagna hanno i fenomeni davanti e dietro e comunque sono capaci di prendere 3-4 gol, la Serie A ha i suoi limiti tecnici, ma comunque offre il suo spettacolo.

Ci sta che Koulibaly venga sovrastato da Belotti o che Cassano segni contro Bonera o che Icardi faccia 3 gol contro Peluso, ma non che 3 dei 5 gol del Leicester contro lo United nascano dalla fascia di Rojo (pagato 20 milioni) o che Sergio Ramos e Casillas si facciano beffare ogni domenica dal fortunato attaccante avversario che si Tochè o Vela; o che Terry e Cahill (nonostante il famoso Bus di Mourinho) ne subiscano 3 tutti in una volta.

Soldi non ne abbiamo, godiamoci una Serie A ricca di gol sperando continui su questa scia, godiamoci quello che c’è!

Filippo Folliero

Giornalista pubblicista, collaboratore presso il quotidiano 'La Città di Salerno'. Blogger/Articolista freelance appassionato di giornalismo in tutte le sue varianti, amante della verità. Autore della rivista Web's Truth, in collaborazione con il reporter Alessandro Carluccio. Mi dicono che sono un cacacazzo testardo e sognatore; hanno ragione.. Amante dei viaggi e delle culture antiche. Cucinare è la mia religione, i manga e lo sport i miei hobby preferiti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*